30 agosto 2007

 
     

Kenneth Foster : UCLA , Tutu e Carter , non mandatelo al patibolo
di Rico Guillermo*

AGGIORNAMENTO delle 19.00: Il governatore del Texas, Rick Perry, ha appena commutato in carcere a vita la sentenza di morte per Kenneth Foster, raccogliendo un parere quasi unanime (6 voti ad 1) dell'ufficio del Texas dei Perdoni e Parole in favore di un gesto di clemenza.
Perry ha detto di essere preoccupato per il fatto che la legge del Texas preveda che i coimputati dei casi capitali debbano essere processati contemporaneamente, ed ha detto che si tratta di un tema che egli pensa vada riesaminato a lovello legislativo".
Persistendo tuttavia la legge texana che ha generato un simile mostro giuridico, sono ancora valide molte delle considerazioni ed informazioni contenute nell'articolo che segue.

___
E' prevista per oggi l'esecuzione con iniezione letale di Kenneth Foster Jr. per un omicidio che non ha commesso e di cui non era a conoscenza ne' prima ne' immediatamente dopo. L'omicidio di Michael LaHood, per il quale un altro uomo che l'aveva materialmente eseguito e' stato condannato ed gia' ha affrontato l'esecuzione.

Come emerso presso la Corte d'Appello degli Stati Uniti del quinto circuito, il 14 agosto 1996, Foster ha guidato l'auto di un parente con a bordo tre amici che hanno commesso due rapine a mano armata. Le dichiarazioni di uno dei passeggeri, DeWayne Dillard, confermano che Foster voleva fermare le rapine e che voleva andar via con la sua auto, ma che, invece di andare a casa, ha continuato a guidare. Tuttavia uno dei passeggeri, Mauriceo Brown, e' uscito dall'automobile con una pistola e ha poi ucciso Michael LaHood. I passeggeri dell'auto hanno detto di non aver saputo cosa avrebbe fatto Brown, e questi ha confermato che non c'era l'intenzione di uccidere nessuno.

Come in un altri Stati, la 'legge delle parti' del Texas stabilisce la responsabilita' criminale per una persona che aiuti un altro a commettere un crimine. Inoltre stabilisce che una persona e' responsabile degli atti di un altro quando nella cospirazione per commettere un crimine se ne commette un altro. Tuttavia questa responsabilita' esiste anche se una persona non commette il secondo crimine e non ha intenzione di commettere il secondo crimine. Anche nei casi non capitali, questa responsabilita' penale e' ingiusta - secondo Christopher Hill, il coordinatore delle strategie del progetto per gli Stati con pena capitale dell'Unione Americana Liberta' Civili.

"Anche un allievo del primo anno di legge - sottolinea Hill - puo' dirvi che un crimine deve avere due elementi: intento criminale e atto criminale. Secondo un principio profondamente incardinato nella legge americana, una persona dovrebbe essere punita sulla base di entrambe: le sue azioni e la sua intenzione". Chiaramente, tuttavia, la condanna capitale inflitta grazie alla 'legge delle parti' non ha "assolutamente nessun senso, logicamente o legalmente. Non e' nient'altro che barbarie eseguire un uomo per un omicidio che non ha commesso e non ha saputo che avvenisse".

Hill ha ricordato anche che in risposta ad una lettera dell'Unione Europea che invita il Texas a cessare le esecuzioni, il portavoce del governatore texano Rick Perry ha detto che "la pena di morte una punizione giusta ed adatta per i crimini piu' orrendi commessi contro i nostri cittadini". Ma la morte non "una punizione giusta ed adatta" per Kenneth Foster jr., che su suggerimento di alcuni membri dell'Ufficio Perdoni e Parole, ha scritto una lettera a Perry che esprime remorso per i suoi errori, ma insiste correttamente che nessuno di essi era meritevole di morte. In definitiva Foster non desidera morire per un crimine di cui non sapeva nulla e che non ha commesso. Il che e' perfettamente logico, conclude il rappresentante UCLA.

Migliaia di persone al mondo hanno scritto al governatore Perry per chiedere di fermare l'esecuzione. Il 23 agosto tredici parlamentari del Texas hanno scritto all'Ufficio Perdoni e Parole facendo una petizione in favore di Foster. Essi hanno affermato di "essere responsabili di fare le leggi dello Stato del Texas" e di assumersi "la responsabilita' della protezione del nostro sistema di giustizia dagli errori", sostenendo che l'esecuzione di Foster e' "sbagliata". Anche la stampa USA non innocentista ritiene l'esecuzione di Foster esagerata, e chiede che egli resti vivo, anche se pensa che debba scontare una lunga pena per le sue azioni che hanno favorito l'omicidio.

I premi Nobel Desmond Tutu - l'arcivescovo africano - e Jimmy Carter - l'ex presidente USA - sono intervenuti a chiedere di risparmiare la vita a Foster. Tuttavia e' anche possibile che essi ricevano risposte simili a quella data da Perry all'UE.

Fra l'altro il portavoce del governatore ha risposto alla presidenza Europea di non ingerirsi negli affari dei Texani. La stessa risposta - e' importante notarlo - data dall'Iran quando l'Italia e la UE avevano chiesto di non giustiziare due giornalisti curdi che non hanno commesso alcun delitto capitale a norma di diritto internazionale...

* si ringrazia Cludio Giusti

La legge delle parti del Texas

Legislazione USA sulla responsabilita' delle Associazioni in un crimine

Speciale giustizia USA

Speciale diritti

___________

NB: I CONTENUTI DEL SITO POSSONO ESSERE PRELEVATI CITANDO L'AUTORE E LINKANDO
www.osservatoriosullalegalita.org

 

 

Sacrifici umani: tenuti in vita per farli morire

Rito barbaro

Clarence Ray Allen

Osservatorio e pena di morte

Esecuzione di un innocente

Processo vergogna

Il test del DNA

La moratoria americana e' una trappola

Pena di morte: una proposta di moratoria