Osservatorio sulla legalita' e sui diritti
Osservatorio sulla legalita' onlusscopi, attivita', referenti, i comitati, il presidenteinvia domande, interventi, suggerimentihome osservatorio onlusnews settimanale gratuitaprima pagina
05 gennaio 2024
tutti gli speciali

Stupri 7 ottobre: testimoni israeliani smentiscono inchiesta del NYT
di Gabriella Mira Marq

La famiglia israeliana coinvolta in un caso chiave menzionato nel rapporto del 7 ottobre del New York Times sulla presunta violenza sessuale da parte dei combattenti di Hamas ha sconfessato la storia pubblicata, affermando che i giornalisti hanno manipolato le loro dichiarazioni, ha riferito Press TV, citando i media israeliani.

Il 28 dicembre, il New York Times ha pubblicato un articolo in cui affermava che i membri del movimento palestinese di resistenza Hamas erano coinvolti in una serie di violenze sessuali contro le donne israeliane durante l’operazione Al-Aqsa Flood del 7 ottobre.

Il rapporto, redatto dal giornalista vincitore del Premio Pulitzer Jeffrey Gettleman, insieme ad Anat Schwartz e Adam Sella, afferma di essere basato su oltre 150 interviste con presunte vittime o le loro famiglie. Tuttavia, ha ribadito principalmente testimonianze del 7 ottobre che erano state precedentemente pubblicate, sfatate e screditate.

Nel frattempo, una parte significativa del rapporto, circa un terzo, č stata dedicata alla famiglia Abdush. La figlia della famiglia, Gal, veniva spesso definita "la donna vestita di nero" durante l'operazione Al-Aqsa Flood. Il rapporto evidenziava specificamente come sarebbe stata sottoposta a violenza sessuale. Era incentrato sul filmato catturato l'8 ottobre da Eden Wessely, che successivamente lo ha condiviso sui suoi account sui social media.

Il giorno successivo alla pubblicazione del rapporto, il sito di notizie israeliano Ynet ha intervistato i genitori di Gal. Hanno sottolineato l'assenza di prove a sostegno dell'affermazione secondo cui sarebbe stata violentata, affermando che i giornalisti del giornale li avevano intervistati con false pretese.

I genitori hanno dichiarato di non essere stati a conoscenza della questione della violenza sessuale fino alla pubblicazione dell'articolo sul quotidiano americano. Inoltre, le sorelle di Gal hanno smentito con veemenza le accuse di stupro.

Il 1° gennaio, Nissim Abdush, cognato di Nagi, ha costantemente smentito qualsiasi accusa di stupro di sua cognata durante un'intervista per il canale israeliano 13.

VAI A TUTTE LE NOTIZIE SU GAZA


per approfondire...

Dossier diritti

_____
NB: I CONTENUTI DEL SITO POSSONO ESSERE PRELEVATI
CITANDO L'AUTORE E LINKANDO
www.osservatoriosullalegalita.org

°
avviso legale