Osservatorio sulla legalita' e sui diritti
Osservatorio sulla legalita' onlusscopi, attivita', referenti, i comitati, il presidenteinvia domande, interventi, suggerimentihome osservatorio onlusnews settimanale gratuitaprima pagina
20 novembre 2023
tutti gli speciali

Padova: ieri presidio per i bimbi uccisi a Gaza
di Gabriella De Boni* con Vittorio Rosa

Dolore, commozione e indignazione, ma nessuna rassegnazione ieri sera in Prato della Valle, al presidio organizzato dalla comunitÓ palestinese del Veneto col sostegno del Sindacato Lavoro e SocietÓ, in ricordo degli oltre 5.000 bambini palestinesi trucidati dall'esercito israeliano in queste poche settimane di attacco alla popolazione.

Molti i cittadini veneti intervenuti, tante le candele accese a ricordare le migliaia di piccole vite luminose spente per sempre nell'atroce silenzio della comunitÓ internazionale.

Molti gli interventi di cittadini palestinesi e di altre nazionalitÓ, ma anche e soprattutto veneti, che hanno rievocato le vere cause del conflitto e le responsabilitÓ storiche dei paesi occidentali, e hanno denunciato come spesso queste responsabilitÓ vengano rimosse dalla cronaca e dai commenti politici di questi giorni mentre chi denuncia e protesta spesso viene censurato dai media.

Forze politiche, sindacati, singoli cittadini e associazioni per la pace di Padova, rappresentanti degli studenti impegnati in questi giorni nell'occupazione delle facoltÓ e nell'organizzazione di eventi di sensibilizzazione e approfondimenti sulla situazione nella Striscia di Gaza hanno chiesto a tutti di movimentarsi contro questo massacro finale del popolo palestinese, ridotto allo stremo da decenni di occupazione, assedio, prigionia e privazione dei pi¨ basilari diritti alla vita.

Si Ŕ affermato con forza quanto la Palestina stia pagando da sola tutti gli errori commessi nell'ultimo secolo soprattutto dai paesi occidentali.

Si Ŕ ricordato infatti come siano stati gli europei a sterminare il popolo ebreo, dopo averlo discriminato e perseguitato per secoli. Ora, si Ŕ detto, sono sempre gli europei ad armare gli eredi delle vittime di quel genocidio perchÚ rispondano con un altro genocidio, questa volta dei palestinesi.

Si Ŕ ricordato come non solo nella Striscia di Gaza ma anche in Cisgiordania e negli altri territori occupati da anni i bambini continuano a essere uccisi dai soldati israeliani: non sembra dunque Hamas il vero nemico, ma tutto il popolo palestinese, contro cui i poteri occidentali hanno armato la mano di Israele per perseguire i propri interessi.

Gli studenti dell'ateneo padovano hanno ricordato che la responsabilitÓ dei cittadini europei non Ŕ solo storica per aver consentito l'Olocausto, ma Ŕ anche attuale se accettano il silenzio dei media, se non si ribellano, se non denunciano le bugie e la propaganda a sostegno dell'azione militare di Israele contro la Striscia.

I manifestanti chiedono quindi che la mobilitazione continui e non si fermi fino a quando non si costringeranno i governi a rispettare il diritto alla vita del popolo palestinese, a rinnegare la politica di guerra e ad avviare finalmente una vera politica di pace qui e altrove nel mondo.

E chiedono, infine, che non ci si dimentichi mai di ciascuna di queste piccole vite cancellate.

* Referente regionale per il Veneto dell'Osservatorio


per approfondire...

Dossier diritti

_____
NB: I CONTENUTI DEL SITO POSSONO ESSERE PRELEVATI
CITANDO L'AUTORE E LINKANDO
www.osservatoriosullalegalita.org

avviso legale