07 giugno 2009

 
     

Il presidente Obama e' stato a Buchenwald
di Alfred Breitman*

Il presidente Obama Ť stato a Buchenwald,
dove morirono gli ebrei,
i rom, i sinti, i gay,
gli studenti biblici, i prigionieri di guerra,
gli spiriti liberi.

Il presidente Obama Ť stato a Buchenwald
e in quel luogo sacro ha detto:
"Coloro che negano il genocidio
dovrebbero venire qui. Non ho pazienza con loro".

Poi Obama Ť rimasto in silenzio, commosso,
e ha deposto una rosa bianca
sulla lapide in memoria delle vittime.
Da lontano venivano rintocchi di campane.

Nello stesso momento a Milano,
sotto un cielo d'inchiostro, altri aguzzini,
con divise diverse da quelle delle guardie dei Konzentrationslager,
ma con gli stessi sguardi senza luce,
distruggevano a calci
la baracca del vecchio rom Cosmin,
che a Buchenwald e ai suoi orrori,
alle esecuzioni e alle epidemie,
agli esperimenti del dottor Gerhard Rose
era sopravvissuto.

"Va' via, sporco zingaro", gli gridavano
con voci di cani rabbiosi, cariche d'odio,
simili a quelle delle guardie di Buch.

Il vecchio li fissÚ negli occhi
e sputÚ davanti ai loro stivali:
un altro fiore si posava a terra,
due rose bianche chiedevano vendetta.

* si ringrazia Roberto Malini

Speciale diritti

___________

NB: I CONTENUTI DEL SITO POSSONO ESSERE PRELEVATI CITANDO L'AUTORE E LINKANDO
www.osservatoriosullalegalita.org