NOTIZIARIO del 11 febbraio 2003

 
     

on. verini e mani pulite

cari sapientini, che avete tanto in essere di pietro e mani pulite; mi sapete indicare quale stato il grande risultato di mani pulite? in galera ci sono andati solo dei poveracci di secondo piano e i grandi se la sono risa prendendoci per i fondelli tutti.

e quale opinione dovrei avere dei giudici che hanno fatto di tutto non per avere un grande risultato a favore dei cittadini, ma che alla fine il risultato andato solo a loro vantaggio?

traendo le conclusioni dei risultati della magistratura e principalmente dei signori giudici di mani pulite il loro voto in una scuola sarebbe un bel 4.?

Risponde Rita Guma

Proprio il suo accenno alla scuola mi fa pensare che secondo il suo ragionamento un insegnante non dovrebbe impegnarsi nel suo lavoro se non essendo sicuro dell'esito, che pero' dipende anche dall'impegno degli allievi, dalle risorse di cui dispone e dalle regole che vengono applicate, ad esempio, nella valutazione collegiale finale. Infatti il risultato cambia da un alunno all'altro.

Ne' immagino sarebbe contento se il suo medico facesse lo stesso discorso con lei: curare solo quelli che si e' certi di poter salvare. Nel dubbio lasciar stare....

Lo stesso accade per i magistrati, obbligati dalla legge a procedere in caso di notizia di reato, ma non certi dell'esito dell'inchiesta e del processo, frutto di tanti fattori.

Fra questi fattori, in caso di inquisiti politici e parlamentari, vanno considerati anche

  • la possibilita' di bloccare i processi mediante la negazione del permesso da parte della commissione per le autorizzazioni a procedere,
  • i personaggi di secondo piano che si addossano la responsabilita' (probabilmente in cambio di qualche carica),
  • le mille giustificazioni istituzionali addotte per rimandare le udienze (spesso fino a prescrizione)
  • e, non ultima, la possibilita' di cambiare le leggi per difendere l'intera categoria.

Tutti questi espedienti sono stati usati nel caso di Mani Pulite, ma in quel caso specifico i magistrati furono rallentati nel loro agire da ispezioni ministeriali e inchieste su reati penali di cui essi stessi venivano accusati in base a false testimonianze orchestrate dai loro inquisiti (e di questo pericolo a cui si esposero pochi li hanno mai ringraziati).

A volte dunque i magistrati riescono ad assicurare alla giustizia i criminali (nel processo penale) o a far ottenere il giusto risarcimento ai danneggiati (nel processo civile), a volte no. Ma si avvalgono delle leggi disponibili, e quelle le vara il parlamento.

Ecco perche' a volte essi fanno rilievi a leggi che legano loro le mani (ma vengono subito aggrediti).

Ed ecco perche' non dobbiamo dimenticare la responsabilita' di noi cittadini, che continuiamo a mandare in parlamento personaggi che fanno le leggi non nell'interesse comune, ma in quello di una casta o di uno solo.

________________

I CONTENUTI DEL SITO POSSONO ESSERE COPIATI CITANDO E LINKANDO LA FONTE

 

 

le altre domande

per fare una domanda scrivi alla redazione

fra le domande pervenute ne saranno scelte alcune per la pubblicazione, ma a tutte sara' comunque data risposta in tempi ragionevoli

Non si terra' conto delle domande anonime, anche se si puo' chiedere di mantenere l'anonimato.