NOTIZIARIO del 30 marzo 2004

 
     

Terrorismo e diritti: Gijs de Vries durissimo
di red

Gijs de Vries, l'ex segretario di Stato olandese nominato giovedi' dai capi di Stato e di Governo dell'Unione europea quale coordinatore della lotta contro il terrorismo, e' convinto che: "Non bisogna cadere nella trappola creata dai terroristi che vogliono la soppressione delle libertÓ pubbliche e la fine della tolleranza".

E' una considerazione importante che cade nel dibattito che ormai da vari mesi contrappone le associazioni per i diritti umani ed i governi che questi diritti ritengono di poter limitare per motivi definiti "straordinari". In sostanza De Vries ha criticato il piano d'azione adottato dall'Unione e detto esplicitamente che non si prestera' all'adozione di misure liberticide.

Di opposto avviso il segretario generale dell'Intepol, Ronald K. Noble, che venerdi' aveva salutato con entusiasmo le misure decise dall'UE per fonteggiare il terrorismo, dicendo che esse potrebbero dare un importante contributo al rafforzamento della legge ed alla sicurezza pubblica. E' ovvio che Noble si riferiva soprattutto all'importanza data alla collaborazione fra polizie mondiali, oggi molto difficile.

by www.osservatoriosullalegalita.org

_____________

I CONTENUTI DEL SITO POSSONO ESSERE COPIATI CITANDO E LINKANDO LA FONTE